Accipiter (Accettura) un progetto innovativo per la migliore tradizione folk


Accipiter

Inversamente proporzionale alla crisi dei consumi culturali e di spettacolo specie da parte dei giovani, naturalmente effetto diretto della crisi più generale, è la crescita di interesse e di impegno, anche in Basilicata, delle giovani generazioni per la musica etnica e folk. L’ultima iniziativa in ordine di tempo vede protagonista l’Associazione Culturale “Accipiter
(Accettura).

Da qualche anno un gruppo di musicisti sta lavorando ad un progetto ambizioso, che riparte dall’impegno decennale del gruppo folk “I Maggiaioli”, dall’opera creativa (e in buona parte ancora non svelata), di Francesco Varvarito, più unico che raro caso di cantore della collina materana, dalla passione di qualche giovane musicista, come Biagio Labbate, attento alle dinamiche moderne del folk. Tutti “ingredienti” essenziali per la formazione artistico-culturale dell’attuale gruppo che eredita una prestigiosa tradizione di musica popolare.

“Quando abbiamo iniziato a capire che la musica può essere anche un bagaglio culturale e di valori importante – raccontano i musicisti di Accipiter PMA, formato da giovani di Accettura e paesi limitrofi (Oliveto Lucano, Garaguso) intorno alla figura carismatica di Pietro Varvarito, per tutti “Pietro Pietro” – abbiamo trovato la “molla”, vale a dire la motivazione e la passione per reagire di fronte ad una forte carenza di tradizione musicale locale”.
 Gli Accipiter PMA preferiscono parlare di folk, non di musica popolare come troppo spesso e impropriamente esso viene definito: folk inteso si come tradizione, ma anche come contaminazione, come attaccamento alla terra, ma anche come apertura all’esterno,  come “canti e balli”, e anche come coscienza e occasione sociale. L’esempio a cui si ispirano viene dal Salento dove la Notte della Taranta a Melpignano è diventato un evento internazionale in grado di richiamare sino a 100mila presenze. Ad Accettura è nato così qualcosa che, da puro divertimento, sta assumendo sempre più la forma di un progetto tendente all’arte propria, e che, nonostante le tante difficoltà che si incontrano in un piccolo paese dell’entroterra lucano ha continuità, raccogliendo sempre maggior consenso e nelle zone limitrofe e attraverso i social e i canali del web.
Di qui l’idea progettuale di lanciare un grande evento musicale che vada a riempire l’estate accetturese, in modo da avere qualcos’altro da tramandare e migliorare negli anni, coinvolgendo anche emigranti e turisti, molti dei quali, non riuscendo a farlo per la Festa principale (Festa del Maggio), ritornano in paese solo ad Agosto. Per ora si sperimentano nuove musicalità come è possibile vedere-ascoltare sul canale youtube (www.facebook.com/accipiterpma), come espressione di un nuovo fermento musicale accetturese (certificato dalla rapida diffusione, negli ultimi mesi, di tamorre e chitarre) e come occasione di contatto sociale.