Il CandidaMelfi ferma sul pari la capolista Pignola.


Sporting Pignola

CANDIDAMELFI          1
SPORTING PIGNOLA  1
CANDIDAMELFI:Propato, Lomaestro,Maiorino,Ciardiello,Cappa,Larotonda,Urbano,Cappiello ( al 50’Cicchiello),Rinaldi (al 85’Cassano), Moccia,Lovecchio. A disp:Vona, Rita,Annunziata, Amoroso, Venezia. All:Bisceglia
SPORTING PIGNOLA: Ciriello,Cirignano,Santoro,Gerardi ( al 48’Santarsiero), Pietrafesa, Incitti, Antohi,Ranaudo,Melella,Ielpo,Montano ( al 50’De Carlo). A
disp:Picerno,Falce, Mele, Pappalardo, Petruzzi.All:Lauria.
Arbitro Romanelli di Genzano di Lucania (1° assistente:Mariano di Potenza; 2° Saccinto di Canosa di Puglia).
Marcatori: al 44’Cappiello; al 62’Santarsiero.
Note: campo pesante. Spettatori circa 300 con folta rappresentanza ospite.
Ripacandida- Alla presenza del presidente regionale degli arbitri, Di Ciommo di Lavello, il big-match della giornata finisce in parità. Due squadre che hanno dimostrato che si può giocare a calcio anche su un campo al limite della praticabilità. Un grande partita del CandidaMelfi ( un elogio a tutto il team, dai giocatori, allenatori e ai dirigenti), che finalmente si muove in classifica,  per buona parte della partita ha messo alle corde la capolista S.Pignola, brava a giocare di rimessa e soprattutto a non perdere la calma. La cronaca. Al 3’ Antohi conclude da fuori area, Propato c’è e para. Al 5’ risponde il Candida Melfi con Moccia, il suo tiro di poco a lato. Al 12’ la prima occasione da gol, angolo di Moccia, Maiorino sfiora di testa il pallone che finisce a fondo campo. Al 20’ lungo lancio di Moccia (finalmente ritornato in forma), Cappiello, pur decentrato, manca l’aggancio in area avversaria. Al 22’ scambio veloce tra Melella e Ielpo in area avversaria,Lomaestro salva. Si cercano soluzioni da lontano e al 30’ Moccia dai 20 mt conclude, Ciriello è attento e devia di pugno. Al 31’ Propato esce fuori dall’area di rigore per fermare Melella, liberato da Ielpo. Il campo pesante costringe i giocatori a trovare soluzioni da lontano e su tiri da fermo. Al 38’ Cappiello al tiro, palla oltre la traversa. Al 44’ in gol i locali: al tiro Larotonda, Ciriello di pugno respinge, la palla arriva a Rinaldi che conlude in porta, Ciriello devia ancora di pugno, ma nulla può fare al tiro di Cappiello, con palla che finisce nell’angolino basso alla sua sinistra. Protestano gli ospiti per un proprio giocatore a terra sul gol del Candida Melfi, per il mancato fair-play. Una protesta che coinvolge ingenuamente ( non si capirà mai quando crescerà!) anche Larotonda, un pilastro del Candida Melfi che viene espulso dall’arbitro. Nella ripresa, il Candida Melfi con un giocatore in meno, resiste agli assalti degli ospiti. Al 47’ su angolo di Ielpo, Propato devia oltre la traversa. Al 58’ Punizione di Melella (opaca la sua prestazione su un campo non proprio ideale),Propato si distende e mette in angolo, che si ripete subito dopo su una conclusione di De Carlo. La ricerca disperata del gol  da parte degli ospiti, viene premiata al 62’, sul solito angolo calibrato di Ielpo, in mischia, zampata vincente di De Carlo. All’82’ Lovecchio sulla destra semina il panico, entrato in area, a contatto con un avversario, cade a terra, tutto regolare per l’arbitro. L’ultima azione pericolosa è per gli ospiti, corre l’85’ su lungo lancio di Ielpo, Antohi di testa conclude verso la porta avversaria, Propato (un signor portiere) para. Al fischio finale scambio di mani tra le due squadre.
Lorenzo Zolfo