Contributi per risparmio energetico su unità abitative private

Regione Basilicata
1. Il presente Avviso Pubblico è emanato in attuazione dell’articolo 23 della L.R. n. 8 del 30/04/2014, così come modificato dall’articolo 29 della L.R. n. 26 del 18/08/2014, ed è finalizzato ad incentivare interventi per il contenimento dei consumi energetici su unità abitative ubicate sul territorio regionale di proprietà di soggetti privati ovvero di soggetti titolari di diverso diritto reale o personale di godimento, con priorità per quelli che versano in condizioni di disagio economico, valutato sulla base dell’ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente), con la finalità di ridurre il costo dell’energia e produrre benefici sull’ambiente e sulla salute.
2. Le risorse finanziarie disponibili per l'erogazione dei contributi previsti dal presente Avviso
Pubblico ammontano ad € 10.000.000,00 a valere su risorse del bilancio regionale.
3. La Regione Basilicata si riserva la facoltà di destinare eventuali ulteriori risorse finanziarie al presente Avviso Pubblico.
4. La Regione Basilicata invita a presentare le domande di contributo in conto capitale sulla base di quanto disciplinato negli articoli che seguono.
Articolo 2
(Soggetti beneficiari e ambito di applicazione)
1. Possono presentare domanda di contributo le persone fisiche residenti nell’unità abitativa oggetto dell’intervento, di cui devono essere proprietari o titolari di diverso diritto reale o personale di godimento.
2. L’unità abitativa oggetto dell’intervento deve essere:
a) già esistente e ubicata nel territorio della Regione Basilicata;
b) classificata, ai sensi dell'articolo 3 del D.P.R. n. 412 del 26/08/1993, come categoria E 1 "edifici adibiti a residenza ed assimilabili" appartenenti alle seguenti categorie catastali:
- A2 (civile);
- A3 (economica);
Dipartimento Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca
Via Vincenzo Verrastro, 8 – 85100 Potenza
3/14
- A4 (popolare);
- A5 (ultrapopolare);
- A6 (rurale);
- A7 (villini);
- A11 (abitazioni ed alloggi tipici dei luoghi).
3. Non sono ammissibili domande di contributo per unità abitative in corso di realizzazione o per unità abitative non accatastate.
4. Nella concessione del contributo è data priorità ai soggetti richiedenti che versano in condizioni di disagio economico, valutato sulla base dell’ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) per l’anno 2013.
5. Fatta salva la situazione economica e patrimoniale del nucleo familiare individuata attraverso l’ISEE, che potrà essere dichiarata ed attestata entro la data di inoltro della domanda telematica di cui al successivo articolo 6, comma 2, lettera b), i soggetti richiedenti e le unità abitative oggetto degli interventi dovranno possedere i requisiti richiesti dall'Avviso Pubblico alla data di pubblicazione dello stesso sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata.
6. Ciascun soggetto richiedente potrà presentare una sola domanda di contributo a valere su una sola unità abitativa individuata catastalmente. Per ciascun nucleo familiare rilevante ai fini dell’ISEE potrà essere presentata una sola domanda di contributo.
Articolo 3
(Tipologie di intervento finanziabili e spese ammissibili) 1. Le tipologie di intervento sulle unità abitative esistenti per le quali sarà possibile presentare domanda di contributo sono le seguenti:
A. Installazione di impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica;
B. Interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche dell'involucro edilizio;
C. Installazione di impianti solari per la produzione di acqua calda per usi sanitari;
D. Interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche degli impianti di climatizzazione invernale;
E. Installazione di sistemi di riscaldamento alimentati a biomasse combustibili. 2. Le specifiche tipologie ed i requisiti tecnici minimi degli interventi di cui al precedente comma 1 sono dettagliati nell’Allegato A al presente Avviso Pubblico.
Dipartimento Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca
Via Vincenzo Verrastro, 8 – 85100 Potenza
4/14
3. Per ciascuna tipologia di intervento di cui al precedente comma 1 sono ammissibili a contributo esclusivamente le spese, comprensive di IVA, effettuate successivamente alla data di apertura dello sportello telematico di cui all’articolo 6, comma 3, strettamente riferibili alla specifica tipologia di intervento prevista nell’allegato A e riconducibili alle seguenti fattispecie:
a) Spese tecniche per progettazione, direzione lavori, collaudo e certificazione;
b) Fornitura e posa in opera dei materiali e dei componenti necessari a realizzare gli interventi sull’involucro e sull’impiantistica dell’unità abitativa;
c) Eventuali ulteriori opere strettamente necessarie e connesse agli interventi di cui al precedente comma 1.
Articolo 4
(Entità dei contributi)
1. I costi massimi ammissibili, comprensivi di spese tecniche ed IVA, per tipologia d’intervento, sono di seguito riportati:
Tipologia dell’intervento
Costo massimo ammissibile comprensivo di spese tecniche ed IVA (€)
A. Installazione di impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica
4.500
B. Interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche dell'involucro edilizio
10.000
C. Installazione di impianti solari per la produzione di acqua calda per usi sanitari
3.000
D. Interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche degli impianti di climatizzazione invernale
4.000
E. Installazione di sistemi di riscaldamento alimentati a biomasse combustibili
3.000
2. Nel caso in cui il costo dell’intervento sia superiore al costo massimo ammissibile per la tipologia di intervento di interesse, il contributo sarà calcolato riferendolo al costo massimo ammissibile.
Dipartimento Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca
Via Vincenzo Verrastro, 8 – 85100 Potenza
5/14
3. Ogni domanda di contributo potrà riguardare più tipologie di intervento tra quelle previste. In tal caso il costo massimo complessivo ammissibile è dato dalla somma dei costi massimi ammissibili dei singoli interventi, e comunque non potrà essere superiore a € 10.000,00.
4. Le spese tecniche sono ammissibili a contribuito nella misura massima del 10% del costo dell’intervento. Laddove il costo sia superiore al costo massimo ammissibile di cui ai precedenti commi, il contributo per le spese tecniche sarà calcolato riferendolo al costo massimo ammissibile.
Articolo 5
(Intensità del contributo)
1. Fermi restando i costi massimi ammissibili di cui al precedente articolo 4, l’importo del contributo concedibile è ottenuto applicando al costo dell’intervento la percentuale indicata nella seguente tabella con riferimento al valore dell’ISEE:
ISEE
% Contributo
da
a
€ 0,00
€ 10.000,00
100,00%
€ 10.000,01
€ 11.000,00
97,00%
€ 11.000,01
€ 12.000,00
94,00%
€ 12.000,01
€ 13.000,00
91,00%
€ 13.000,01
€ 14.000,00
88,00%
€ 14.000,01
€ 15.000,00
85,00%
€ 15.000,01
€ 16.000,00
82,00%
€ 16.000,01
€ 17.000,00
79,00%
€ 17.000,01
€ 18.000,00
76,00%
€ 18.000,01
€ 19.000,00
73,00%
€ 19.000,01
€ 20.000,00
70,00%
€ 20.000,01
€ 21.000,00
67,00%
€ 21.000,01
€ 22.000,00
64,00%
€ 22.000,01
€ 23.000,00
61,00%
€ 23.000,01
€ 24.000,00
58,00%
€ 24.000,01
€ 25.000,00
55,00%
€ 25.000,01
€ 26.000,00
52,00%
€ 26.000,01
€ 27.000,00
49,00%
€ 27.000,01
€ 28.000,00
46,00%
€ 28.000,01
€ 29.000,00
43,00%
da € 29.000,01 in su
40,00%
Dipartimento Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca
Via Vincenzo Verrastro, 8 – 85100 Potenza
6/14
Articolo 6
(Presentazione della domanda)
1. Per la gestione del presente Avviso Pubblico la Regione Basilicata si avvarrà della Società Energetica Lucana S.p.A. (di seguito indicata come Soggetto Gestore).
2. La procedura di presentazione della domanda di contributo previsto dal presente Avviso Pubblico è articolata nelle seguenti fasi:
a) Fase di registrazione: l’interessato, ove non fosse già abilitato per l’accesso ai servizi della Pubblica amministrazione regionale, in qualsiasi momento potrà accedere al seguente indirizzo internet http://servizi.basilicatanet.it/servizi/index.jsp, e inserire i propri dati anagrafici. Il sistema genererà automaticamente una mail di conferma della registrazione che verrà inviata all'indirizzo email indicato nella pagina di registrazione. Nella stessa mail verranno fornite tutte le indicazioni per ottenere il PIN (numero di codice personale e incedibile che abilita all'accesso ad alcuni servizi della Pubblica Amministrazione regionale, fra cui la compilazione della domanda per il presente Avviso Pubblico);
b) Fase di compilazione: una volta ottenuto il PIN sarà possibile accedere al servizio “Centrale Bandi” tramite connessione al sito istituzionale: www.regione.basilicata.it > Pubblicità Legale > Avvisi e Bandi, si individuerà il bando e si cliccherà su dettagli. Si visualizzerà una pagina dove inserire il nome utente e la password scelti nella fase di registrazione. Successivamente, una volta inserito il codice PIN, occorrerà scegliere la tipologia di partecipazione cliccando su “Partecipa” e si aprirà una videata con la domanda di partecipazione da compilare ed inoltrare.
3. La compilazione della domanda telematica sarà possibile a partire dalle ore 8:00 del primo giorno feriale successivo al 45° giorno naturale e consecutivo dalla data di pubblicazione del presente Avviso Pubblico sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata, data di apertura dello sportello telematico. Lo sportello telematico resterà aperto fino alle ore 13:00 del 60° giorno naturale e consecutivo successivo alla data di apertura. La Regione Basilicata, con proprio provvedimento, potrà stabilire termini iniziali e finali diversi da quelli precedentemente indicati.
4. Nei 10 giorni naturali e consecutivi successivi alla data di chiusura ufficiale dello sportello telematico di cui al precedente comma 3, l’elenco provvisorio delle domande presentate sarà pubblicato sul portale della Regione Basilicata, www.regione.basilicata.it, secondo l’ordine progressivo conseguito con i criteri definiti al successivo articolo 7. Nell’elenco saranno indicati quali sono i potenziali soggetti beneficiari (individuati attraverso il numero identificativo assegnato dal sistema al momento di presentazione della domanda telematica) che, secondo l’ordine progressivo, rientrano nella dotazione finanziaria, eventuali potenziali beneficiari che, a parità di posizione con altri, rientrerebbero nella dotazione finanziaria solo a
Dipartimento Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca
Via Vincenzo Verrastro, 8 – 85100 Potenza
7/14
seguito di sorteggio ed i potenziali beneficiari non finanziabili per esaurimento delle risorse finanziarie messe a disposizione. Nel caso in cui nell’elenco progressivo siano presenti potenziali beneficiari che hanno conseguito la medesima posizione che però non consente a tutti di rientrare nella dotazione finanziaria, contestualmente alla pubblicazione dell’elenco provvisorio verrà pubblicata sul portale della Regione Basilicata, www.regione.basilicata.it, la data ed il luogo in cui l’Ufficio regionale competente provvederà ad espletare il sorteggio pubblico tra i soggetti interessati.
5. Nei 20 giorni naturali e consecutivi successivi alla pubblicazione dell’elenco provvisorio, ovvero all’eventuale effettuazione del sorteggio, verrà pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata e sul portale della Regione Basilicata, www.regione.basilicata.it, l’elenco definitivo dei potenziali beneficiari che secondo l’ordine progressivo rientrano nella dotazione finanziaria e dei potenziali beneficiari non finanziabili per esaurimento delle risorse finanziarie messe a disposizione
6. Entro 45 giorni naturali e consecutivi dalla data di pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata dell’elenco di cui al precedente comma 5, solo i potenziali beneficiari che nell’elenco risultano rientrare nella dotazione finanziaria e che intendono confermare la domanda telematica di contributo dovranno far pervenire al Soggetto Gestore la documentazione elencata al successivo comma 11, in formato cartaceo o in formato elettronico.
7. In caso di trasmissione della documentazione di cui al successivo comma 11 in formato cartaceo sul plico, contenente la documentazione medesima, oltre all’indicazione del richiedente-mittente, occorrerà riportare la seguente dicitura “AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO SU UNITA’ABITATIVE PRIVATE”. Il plico dovrà essere indirizzato a:
SOCIETÀ ENERGETICA LUCANA S.p.A. – Corso Umberto I, n. 28 – 85100 Potenza.
In caso di eventuale consegna a mano, gli uffici della Società Energetica Lucana sono aperti dalle ore 9.00 alle ore 13.00 da lunedì al venerdì e dalle ore 15.30 alle ore 17.00 il lunedì, martedì e giovedì.
8. In caso di trasmissione della documentazione di cui al successivo comma 11 in formato elettronico, la medesima documentazione dovrà essere trasmessa, da un indirizzo di posta elettronica certificata, all’indirizzo indirizzo di posta elettronica certificato avviso.risparmioenergetico@cert.regione.basilicata.it, inserendo nell’oggetto “NOME COGNOME richiedente – AVVISO PUBBLICO RISPARMIO ENERGETICO”. I documenti che necessitano di firma dovranno essere firmati digitalmente. Non saranno accettati documenti in formato elettronico trasmessi da indirizzo di posta elettronica non certificata.
9. Per entrambe le modalità di trasmissione descritte ai precedenti commi 7 e 8 la
Dipartimento Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca
Via Vincenzo Verrastro, 8 – 85100 Potenza
8/14
documentazione dovrà pervenire entro il termine perentorio indicato al precedente comma 6, pena la irricevibilità della domanda di contributo. L’errata indicazione del mittente o dell’oggetto dell’Avviso Pubblico non costituisce motivo di irricevibilità.
10. Per tutte le comunicazioni che i richiedenti e i beneficiari devono far pervenire ai sensi del presente Avviso Pubblico, la Regione Basilicata e il Soggetto Gestore non assumono alcuna responsabilità per eventuali disguidi o ritardi postali e/o causati dal gestore della casella di posta elettronica o comunque imputabili a negligenza del mittente, fatto di terzi, caso fortuito o forza maggiore.
11. La documentazione da inviare dovrà essere composta da:
a) Stampa della domanda compilata on line (comprensiva della dichiarazione sostitutiva, redatta ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 e successive modifiche ed integrazioni, attestante il possesso dei requisiti previsti dal presente Avviso Pubblico per la persona fisica e per l’unità abitativa oggetto dell’intervento e comprensiva dell’informativa ai sensi del D.Lgs. n. 196/03 e successive modifiche ed integrazioni, "Codice in materia di protezione dei dati personali") debitamente sottoscritta dal soggetto richiedente (Allegato B);
b) Copia di un documento d'identità del richiedente in corso di validità;
c) Attestazione ISEE per l’anno 2013 corredata dalla relativa dichiarazione sostitutiva unica;
d) Copia del titolo relativo al diritto di proprietà o altro diritto reale o personale di godimento sull’unità abitativa oggetto dell’intervento;
e) Scheda tecnica dell’intervento redatta sul modello di cui all’Allegato C al presente Avviso Pubblico, accompagnata da documentazione preventiva relativa all’intervento proposto atta a comprovare la conformità dello stesso ai requisiti di cui all’Allegato A, con specificazione dei relativi costi e separata evidenziazione delle spese tecniche. La documentazione di accompagnamento potrà essere formata, a titolo esemplificativo, da preventivi, parcelle, schede tecniche dei materiali o apparecchiature. I preventivi e le parcelle dovranno essere firmati e redatti su carta intestata del soggetto che li ha rilasciati e riportare l’indirizzo dell’unità abitativa oggetto dell’intervento.
12. Successivamente alla scadenza dei termini di cui al precedente comma 6, il Soggetto Gestore invierà all’Ufficio regionale competente l’elenco dei potenziali beneficiari che hanno confermato la domanda telematica trasmettendo, nei termini, la documentazione richiesta al precedente comma 11. L’Ufficio regionale competente prenderà atto con proprio provvedimento dell’elenco che sarà pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata e sul portale della Regione Basilicata, www.regione.basilicata.it.
Dipartimento Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca
Via Vincenzo Verrastro, 8 – 85100 Potenza
9/14
Articolo 7
(Criteri di attribuzione dell’ordine
delle domande di contributo)
1. L’ordine progressivo delle domande di contributo sarà determinato, in fase di compilazione della domanda telematica, dal valore ISEE dichiarato, approssimato a due cifre decimali.
2. Saranno istruite e finanziate le domande pervenute fino alla concorrenza della dotazione finanziaria stanziata dal presente Avviso Pubblico.
3. Nel caso di iniziative aventi lo stesso valore ISEE, la priorità nell’ordine progressivo sarà attribuita in funzione del minore valore della rendita catastale dell’unità abitativa oggetto dell’intervento; in caso di ulteriore parità, la priorità sarà attribuita in funzione del maggior numero di componenti lo stato di famiglia alla data di pubblicazione dell’Avviso Pubblico sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata; nel caso ancora di ulteriore parità, la priorità sarà attribuita mediante sorteggio pubblico tra i soggetti interessati.
4. Qualora si determinino disponibilità finanziarie, derivanti da decadenza o inammissibilità delle domande presentate, rinunce, revoche, riduzione del contributo concedibile o risorse aggiuntive, si procederà allo scorrimento dell’elenco dei potenziali beneficiari fino all’esaurimento della dotazione finanziaria resasi disponibile, dandone comunicazione con nota ufficiale al/i soggetto/i beneficiario/i interessato/i rientrante/i nello scorrimento unitamente alla richiesta di documentazione di cui all’articolo 6, comma 11.
Articolo 8
(Istruttoria delle domande)
1. Ai fini del riconoscimento del contributo, il Soggetto Gestore effettuerà la verifica della rispondenza della documentazione inviata con quanto dichiarato nella domanda telematica, nonché del rispetto di quanto previsto dall’Avviso Pubblico.
2. Saranno considerate inammissibili le domande non sottoscritte dal richiedente.
3. Qualora la documentazione dovesse risultare carente, potranno essere richiesti chiarimenti e/o integrazioni ovvero ulteriore documentazione necessari ai fini della completa valutazione della domanda. I chiarimenti, le integrazioni e/o i documenti richiesti dovranno pervenire, attraverso una delle modalità di trasmissione di cui all’articolo 6, commi 7 e 8, entro 20 giorni naturali e consecutivi dal ricevimento della richiesta medesima. In caso contrario la domanda di contributo sarà valutata negativamente ed esclusa dal contributo, ritenendo che il richiedente vi abbia rinunciato, nel rispetto della L. n. 241/1990 e successive modifiche ed integrazioni.
Dipartimento Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca
Via Vincenzo Verrastro, 8 – 85100 Potenza
10/14
4. Concluse le pertinenti verifiche, in caso di esito positivo, si procederà ad emanare il provvedimento di concessione del contributo.
5. In caso di esito negativo della verifica, si procederà a comunicare i motivi ostativi all’accoglimento della domanda nel rispetto della L. n. 241/1990 e successive modifiche ed integrazioni.
6. Saranno effettuati controlli, anche a campione, sui dati autodichiarati ai sensi degli articoli 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000 e successive modifiche ed integrazioni. Ai sensi dell’articolo 75 del richiamato decreto, e fermo restando quanto previsto dall’articolo 76, l’accertamento della non veridicità di quanto dichiarato, in qualsiasi momento, comporterà la decadenza, previa adozione di motivato provvedimento, dai benefici previsti dal presente Avviso Pubblico e dagli eventuali effetti conseguenti.
Articolo 9
(Obblighi)
1. Gli interventi oggetto della richiesta di contributo dovranno essere fatturati e pagati successivamente alla data di apertura dello sportello telematico di cui all’articolo 6, comma 3. A tal fine faranno fede le date apposte sui giustificativi di spesa e di pagamento presentati al momento della rendicontazione per la richiesta di erogazione del contributo.
2. Gli interventi dovranno essere ultimati entro i 180 giorni naturali e consecutivi dalla data di notifica del provvedimento di concessione. A tal fine farà fede la data riportata nell’asseverazione di cui al successivo articolo 10.
3. Su specifica richiesta del beneficiario, effettuata prima della scadenza del termine sopra indicato, potrà essere concessa una proroga di 60 giorni naturali e consecutivi per l’ultimazione.
4. Il beneficiario del contributo ha l’obbligo di acquisire le autorizzazioni previste per legge propedeutiche alla realizzazione degli interventi, ivi compresa l’autorizzazione a realizzare l’intervento da parte del/i proprietario/i dell’unità abitativa ove sia/siano persona/e diversa/e dal beneficiario. La Regione e il Soggetto Gestore non si assumono alcuna responsabilità per eventuali irregolarità riscontrate dalle autorità competenti nella realizzazione degli interventi e/o riscontrate dal/i proprietario/i per mancanza delle autorizzazioni.
5. Nei tre anni successivi all’ultimazione dell’intervento, il beneficiario del contributo non potrà distogliere dall’uso originario le opere realizzate con il contributo regionale, ovvero introdurre modifiche che comportino un peggioramento delle prestazioni energetiche dell’unità abitativa, salvo caso fortuito, forza maggiore o specifica approvazione.
Dipartimento Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca
Via Vincenzo Verrastro, 8 – 85100 Potenza
11/14
6. Nel caso di alienazione, cessione a qualsiasi titolo ovvero estinzione di diritti relativamente all’intervento realizzato, l’avente causa dovrà impegnarsi al rispetto delle condizioni di cui al precedente comma 5. L’alienante o il concedente o comunque il beneficiario del contributo, entro 90 giorni dalla formalizzazione dell’atto, ne darà opportuna comunicazione al Soggetto Gestore.
7. A completamento degli interventi, verranno effettuate verifiche tecniche a campione in loco sugli interventi ultimati.
8. Il beneficiario ha l’obbligo di conservare la documentazione e gli elaborati amministrativi, contabili e tecnici relativi all’intervento finanziato che dovranno essere immediatamente disponibili in caso di eventuali controlli da parte dei soggetti abilitati e conservati per i 10 anni successivi alla concessione del contributo.
Articolo 10
(Rendicontazione dell'intervento ed erogazione del contributo)
1. Per richiedere l'erogazione del contributo spettante, il beneficiario dovrà far pervenire al Soggetto Gestore, in una delle modalità di trasmissione di cui all’articolo 6, commi 7 e 8, entro 60 giorni naturali e consecutivi dalla data di ultimazione dell’intervento, la relativa richiesta, debitamente sottoscritta, accompagnata dalla documentazione di seguito elencata:
a) Fatture/giustificativi della spesa sostenuta per la realizzazione degli interventi e ricevute del bonifico o altro giustificativo di pagamento. Qualora il pagamento venga effettuato in più tranches (acconti), dovranno essere presentate le singole fatture/giustificativi di spesa e ricevute di bonifico/giustificativi di pagamento. Dalla documentazione dovrà risultare la riferibilità della stessa al beneficiario e all’intervento realizzato;
b) Asseverazione di un tecnico abilitato che attesti la data di conclusione e la rispondenza dell’intervento ai requisiti minimi richiesti riportati nell’allegato A. In caso di pluralità di interventi nell’ambito della stessa domanda, potrà essere presentata un’unica asseverazione per tutti gli interventi. In caso di pluralità di interventi, per data di ultimazione si farà riferimento all’ultimo intervento realizzato;
c) Documentazione specifica per tipologia d’intervento prevista nell’Allegato A;
d) Attestato di prestazione energetica redatto, in conformità alle norme vigenti, successivamente alla ultimazione degli interventi.
2. L'erogazione del contributo verrà effettuata dal Soggetto Gestore mediante bonifico bancario a favore del beneficiario e sul conto corrente dallo stesso indicato nella richiesta di erogazione del contributo e di trasmissione della rendicontazione.
Dipartimento Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca
Via Vincenzo Verrastro, 8 – 85100 Potenza
12/14
3. Il beneficiario al quale è stato riconosciuto un contributo pari al 100% del costo sostenuto, laddove lo ritenga opportuno, potrà delegare il Soggetto Gestore al pagamento del contributo direttamente al fornitore/i della prestazione resa. A tal fine il Soggetto Gestore liquiderà il contributo direttamente al fornitore/i in nome e per conto del beneficiario ad ultimazione dell’intervento.
4. Per richiedere l'erogazione del contributo spettante con la modalità di delega di pagamento il beneficiario dovrà presentare al Soggetto Gestore la seguente documentazione, alternativa a quella di cui al precedente comma 1, lettera a):
a) Fatture/giustificativi della spesa relativa alla prestazione resa;
b) Delega del soggetto beneficiario, redatta nelle forme di legge, a pagare il fornitore/i, comprensiva della liberatoria piena del Soggetto Gestore e della Regione Basilicata relativamente alle eventuali controversie tra le parti interessate;
c) Indicazione dell’IBAN del conto corrente del fornitore/i.
5. Prima dell’erogazione del contributo potranno essere effettuati sopralluoghi in loco da parte di personale autorizzato dal Soggetto Gestore o dalla Regione Basilicata per verificare l’effettiva realizzazione dell’intervento.
Articolo 11
(Cumulo)
1. I contributi concessi in virtù del presente Avviso Pubblico sono cumulabili con ulteriori contributi, incentivi o aiuti concessi da altre fonti, nei limiti previsti dalle relative disposizioni di riferimento ed in ogni caso nel rispetto della disciplina comunitaria e nazionale.
Articolo 12
(Modifiche agli interventi)
1. Eventuali modifiche agli interventi ammessi a contributo dovranno essere preventivamente sottoposte all'approvazione del Soggetto Gestore. A tal fine il richiedente dovrà inviare al Soggetto Gestore una comunicazione contenente la descrizione delle modifiche da apportare e le relative motivazioni; le modifiche apportate in carenza di preventiva autorizzazione comporteranno la revoca del contributo. In nessun caso il contributo potrà essere superiore a quello inizialmente concesso.
Articolo 13
(Decadenza e revoca del contributo)
Dipartimento Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca
Via Vincenzo Verrastro, 8 – 85100 Potenza
13/14
1. Si procederà, nel rispetto della Legge n. 241/90 e successive modifiche e integrazioni, all’adozione di provvedimenti di decadenza ovvero di revoca parziale o totale, nei casi di seguito indicati, nonché nelle ipotesi previste nel provvedimento di concessione del contributo medesimo:
a) accertata non veridicità di quanto dichiarato dal beneficiario nella domanda di concessione del contributo;
b) produzione di documenti falsi o uso di documenti falsi;
c) ultimazione dell’intervento oltre i termini di cui all’articolo 9, fatta salva la proroga concessa;
d) tipologia degli interventi realizzati difformemente da quella ammessa, fatto salvo quanto previsto al precedente articolo 12;
e) mancato rispetto delle disposizioni contenute nell'Avviso Pubblico.
2. Qualora dalle verifiche e dai controlli emerga la non veridicità del contenuto delle dichiarazioni e della documentazione prodotte, il dichiarante decadrà dai benefici fermo restando quanto previsto sulle responsabilità penali dall'articolo 76 del D.P.R. n. 445/2000 e successive modifiche ed integrazioni.
Articolo 14
(Privacy)
1. I dati forniti all’Amministrazione Regionale e al Soggetto Gestore saranno trattati esclusivamente per le finalità del presente Avviso Pubblico e per scopi istituzionali.
2. Il trattamento dei dati in questione è presupposto indispensabile per la partecipazione al presente Avviso Pubblico e per tutte le conseguenti attività. I dati saranno trattati dalla Regione Basilicata e dal Soggetto Gestore per il perseguimento delle sopraindicate finalità in modo lecito e secondo correttezza, nel rispetto del D.Lgs. n. 196/2003 e successive modifiche ed integrazioni, “Codice in materia di protezione dei dati personali”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e comunque automatizzati. Qualora la Regione e/o il Soggetto Gestore debba avvalersi di altri soggetti per l’espletamento delle operazioni relative al trattamento, l’attività di tali soggetti sarà in ogni caso conforme alle disposizioni di legge vigenti. La Regione Basilicata e il Soggetto Gestore si riservano di comunicare e trasferire i dati personali, che sono oggetto di tutela ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003 e successive modifiche ed integrazioni, ai soggetti autorizzati, che li gestiranno quali responsabili del trattamento, esclusivamente per le finalità medesime.
3. Titolare del trattamento dei dati è la Regione Basilicata - Giunta Regionale, con sede in Via Vincenzo Verrastro n. 4 - 85100 Potenza.
Dipartimento Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca
Via Vincenzo Verrastro, 8 – 85100 Potenza
14/14
4. Responsabile del trattamento dei dati sarà la Società Energetica Lucana S.p.A., con sede in Corso Umberto I, 28 -85100 Potenza.
5. Ai soggetti interessati sono riconosciuti i diritti di cui all’articolo 7 del citato D. Lgs. n. 196/2003 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare, il diritto di accedere ai propri dati personali, di chiederne la rettifica, l’aggiornamento e la cancellazione, se incompleti, erronei o raccolti in violazione della legge, nonché di opporsi al loro trattamento per motivi legittimi rivolgendo le richieste alla Regione Basilicata o a Società Energetica Lucana S.p.A.
Articolo 15
(Rinvio)
1. Per quanto non previsto dal presente Avviso, si applicano le disposizioni previste dalla normativa comunitaria, nazionale e regionale in materia.
Articolo 16
(Disposizioni finali)
1. La Regione Basilicata provvederà ad istituire sul portale www.regione.basilicata.it una sezione dedicata alle FAQ (Frequently Asked Questions) nella quale saranno fornite le risposte della Regione Basilicata in merito ai quesiti di interesse generale inoltrati dai richiedenti. Tali risposte integreranno il contenuto del presente Avviso Pubblico.
2. I termini di cui al presente Avviso Pubblico si intendono in giorni naturali e consecutivi. Qualora il termine ultimo coincida con un sabato o un giorno festivo, la scadenza si intende posticipata al primo giorno feriale utile successivo.
3. Nella domanda telematica di contributo il richiedente dovrà indicare le modalità ed il recapito elettivo per ricevere tutte le comunicazioni ai fini di cui al presente Avviso Pubblico. La Regione Basilicata e il Soggetto Gestore non assumono alcuna responsabilità per dispersione di comunicazioni dipendenti da errore nel recapito indicato in domanda ovvero da eventuali disguidi o ritardi postali e/o causati dal gestore della casella di posta elettronica o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.
4. La modulistica sarà disponibile sul portale: www.regione.basilicata.it.
5. La struttura regionale competente per l’attuazione e il controllo della gestione del presente Avviso Pubblico è l’Ufficio Energia del Dipartimento Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca.