Giulia Saguatta entusiasma la platea di Venosa

 Giulia Saguatta,
Venosa
Nei giorni scorsi si è tenuto nella cittadina oraziana la festa del PD con intrattenimenti anche musicali, tra i più seguiti ed applauditi, l’esibizione di una pesarese, Giulia Saguatti (accompagnato alla chitarra dal venosino Fabrizio Frangione e da Attanasio Mazzone, Narco Boccia e Pietro Lomuscio) , che ha un curriculum di tutto rispetto. Dopo aver frequentato per due anni la scuola di canto Pianeta Musica, nell'agosto 2012 Giulia partecipa al concorso Discovery Summer Festival classificandosi al primo posto, l'anno
successivo partecipa alla prima edizione del programma televisivo The Voice of Italy, nella squadra di Cocciante, arrivando ad una puntata dalla semifinale. Nel maggio 2013 Giulia costituisce la propria band con cui si esibisce in varie piazze italiane. Nel settembre 2013 partecipa al concorso Area Sanremo e rientra tra gli otto vincitori della competizione. Ha collaborato con Francesco De Benedictis, Francesco Gazzè, Dodi Battaglia, Simona Molinari ed altri. Attualmente sta lavorando alla realizzazione del suo primo album con il produttore artistico Andrea Rodini a Milano.

Avvicinata a fine concerto, Giulia ha riferito. “A Venosa ero già stata in vacanza con una mia amica ad aprile di quest'anno. Mi era piaciuta la città, per la sua atmosfera tranquilla, il bel Castello Aragonese, il complesso della Santissima Trinità, la piazza con la statua di Orazio ed è stato un vero piacere tornare e poter cantare. Appena arrivati siamo stati accolti con calore dalle autorità, abbiamo fatto il soundcheck pregustando già la piacevole serata. Dopo l'apertura da parte dei "Nameless" è cominciato il concerto. Sul palco, sono stata investita dall'applauso del pubblico che non si è certo risparmiato resistendo anche alle condizioni climatiche non troppo favorevoli. il repertorio spaziava dalla musica italiana a quella internazionale dando vita ad uno spettacolo vario e coinvolgente. 

Con me ad intrattenere il pubblico c'era il cantante Mauro Tummolo con il quale alla fine ho anche duettato. E' stato davvero bellissimo vedere la gente cantare le canzoni più conosciute e battere a tempo le mani, non è certo un aspetto scontato. Una delle più grandi paure per un artista è sempre quella di ricevere una risposta tiepida, un atteggiamento disinteressato, confesso che prima di ogni concerto anche io faccio i miei scongiuri....con la speranza di essere ben voluta ed apprezzata. Per questo ogni volta cerco di raccontarmi, spiegando il sentimento che mi lega ad alcuni artisti e ai loro brani, la mia esperienza televisiva, il  mio amore per la musica perchè credo fortemente che lo scambio di emozioni ed energia avvenga solo se si riesce ad abbattere la distanza fra artista e pubblico. Ad ogni modo le aspettative non sono state assolutamente deluse, anzi, l'affiatamento tra i musicisti, l'affetto che mi è stato dimostrato, la musica e la bellissima città che ha fatto da cornice hanno reso la serata davvero memorabile e spero in cuor mio di tornare presto a Venosa”.
Lorenzo Zolfo

Le foto riprendono Giulia Saguatti e la sua band.