Venosa 29 ottobre 2011, convegno e premiazione concorso sulla salute mentale in omaggio ad Alda Merini.


VENOSA. 29 OTTOBRE 2011. LA SCUOLA CONTRO  IL PREGIUDIZIO SULLE MALATTIE MENTALI. “C’E’ ANCORA INDIFFERENZA E RIFIUTO DA PARTE DELLA SOCIETA’ VERSO I MALATI MENTALI”. 1° PREMIO ALDA MERINI PROMOSSO DALL’ASSOCIAZIONE ONLUS DI VENOSA PRESIEDUTA DAL PROF. MICHELE BIGOTTI.

Venosa.
Si è svolto lo scorso 29 ottobre presso l’aula magna dell’I.I.S.S. “Quinto Orazio Flacco” il convegno: “la scuola contro il pregiudizio sulle malattie mentali” promossa dall’associazione Onlus “Alda Merini” di Venosa presieduta dal prof. Michele Bigotti. Questa associazione  in più di un’occasione ha incontrato i giovani delle scuole superiori di Venosa per sensibilizzarli a superare le identità negate. Scopo di questi incontri è quello di promuovere la lotta al pregiudizio e allo stigma che accompagnano la malattia mentale e favorire iniziative di socializzazione per prevenire e arrestare processi di emarginazione sociale. A dare il benvenuto ai relatori, al vice Sindaco dott.Pietro Visaggio all’ex dirigente scolastico Rosa Torciano, al dott. Grieco, presidente Caritas Diocesana,ai numerosi operatori della sanità  (Antonella Di Corato, Emma
Villonio, Concetta Giorgio)  e agli studenti del Liceo Classico ed Ipsia, il gruppo musicale del Liceo Classico che ha partecipato al premio nazionale Giorgio Gaber, coordinato dal prof. Ernesto Miranda: “la musica è un valido strumento per sensibilizzare giovani e non contro i pregiudizi”. A portare i saluti, il dirigente scolastico dell’I.I.S.S. “Q.Orazio Flacco”, prof. Mario Lasala. Il presidente dell’associazione antistigma “Alda Merini”, prof. Michele Bigotti nel suo intervento ha detto: “ l’attenzione da parte dell’associazione è finalizzare ad incentivare  il senso di “solidarietà umana” che nei giovani deve essere ancora più presente, come ci hanno dimostrato impegnandosi nel partecipare con elaborati al concorso sulla salute mentale e nell’organizzazione di questa giornata dal punto di vista musicale”. Sono stati presentati i risultati dal servizio sanitario della Regione Basilicata-Dipartimento Salute Mentale Ambito Territoriale di Venosa che ha redatto un questionario sulle malattie mentali per gli studenti del Vulture-Alto Baradano del 3° e 4° anno di studi perché ritiene che il primo passo per combattere il pregiudizio sulla malattia mentale sia quello di informare quante più persone e istituzioni. Ecco il sunto di questa ricerca: non c’è una conoscenza completa sulle malattie mentali emersa in tutte le scuole. Ancora i ragazzi, in particolare quelli del Liceo Classico, credono che sia giusto riaprire i manicomi, a differenza delle ragazze. L’attrice Tonia Bruno con amore apre il suo intervento con la lettura passionale di una poesia di Alda Merini rivolta ai giovani, dando un messaggio di speranza a questi ultimi,incentivandoli alla cultura, presupposto principale di una apertura mentale. La prof.ssa Osanna ha lodato gli studenti del Liceo Classico che hanno partecipato al concorso Alda Merini: “ hanno gettato il seme della speranza di una vita migliore per le persone soggette a malattie mentali che prima ancora che per la malattia,soffrono dell’indifferenza e il rifiuto della società in cui vivono. C’è ancora da fare molto in questo settore”. La commissione che ha vagliato gli elaborati dei partecipanti al concorso, considerati eccellenti, era composta da Nicola Vertone, Angelo Potenza,Patrizia Pellegrino e Fabrizio Frangione. Per la sezione musicale è stata premiata la II A(Cristiana Buompensiere, Rossana Martello, Michela Masulli, Giulia Dileo, Raffaella Caputo e Chiara De Bonis)con il brano: “Dentro di me”. La I C con il brano “Tempo di volare” preparato dagli alunni Lisanti,Giordano e Soldo. Per la sezione video-musicale l’elaborato della II C ,“Il naufrago”. Per la sezione grafica premiate “Desespoir” di Chiara Catapano II C; “Quando la ragione sconfina nella follia” di Marilia Bruno e Cecilia Ciocia di III D. Per la sezione fotografica premiato l’elaborato “la strettoia” di I C (Gammone, Lacolla, Chieffo). Il premio di questi vincitori:trascorrere insieme a Roma in una comunità che lavora nel settore. La giornata si è conclusa con la consegna al dirigente scolastico del Liceo Clsssico, prof. Mario Lasala di una pergamena per la partecipazione degli studenti al concorso in omaggio ad Alda Merini.
Lorenzo Zolfo