Svolti i funerali del più grande barzellettiere del paese.

GINESTRA 22 MAGGIO 2011. MUORE  IL PIU’ GRANDE BARZELLETTIERE DEL PAESE.MICHELE DI PACE BRAVO,CAPACE E INTELLIGENTE AGRICOLTORE.

Ginestra.
Si sono svolti lo scorso 22 maggio i funerali di Michele Di Pace, un agricoltore del posto dalla battuta facile. La chiesa madre San Nicola Vescovo era gremita da tanta gente, alcuni provenienti anche dai centri limitrofi. La messa funebre è stata celebrata da don Riccardo di Atella e don Gilberto, parroco di Ginestra. Il nipote, Tonio ha ricordato la figura dello zio: “non è facile rivolgerti un ultimo saluto, ma ci provo comunque.

Caro zio Michele, in questi giorni di malattia ho pensato molto a trovare 3 aggettivi che potevano rispecchiare il più possibile la persona. Tra i tanti ho deciso di riprendere una tua battuta ed analizzarla: Michele Di Pace, bravo,intelligente e capace. Bravo perché sei stato sempre disponibile ed abile nell’aiutare ma soprattutto nel dare consigli spassionati al tuo prossimo. Intelligente perché sei stato un gran lavoratore, hai dedicato tutta la tua vita al lavoro dei campi, partendo con poco, con le tue capacità sei riuscito a realizzare tante cose. Capace perché sei stato in grado di instaurare un rapporto leale e duraturo con i nostri genitori, ed in particolar modo con i tuoi 3 nipoti, un rapporto bellissimo fatto di confronto, dialogo, suggerimenti, consigli. Su alcune tematiche ci siamo anche scontrati, com’è giusto che sia, ma alla fine ci siamo sempre ritrovati. Sei sempre stato presente nelle decisioni più importanti. Ci hai voluto bene come figli e noi ti abbiamo rispettato e considerato, come un secondo padre. Un arrivederci e grazie di cuore, Tonio, Gianicola e Michele”. Ci piace ricordarlo per questa battuta:  U guvern d u cil ci manna grandin e thmbest, u guvern d la terra ci freca quir che rest. (Il Governo del cielo ci manda grandine e tempesta, quello della terra ci ruba quello che resta).
Lorenzo Zolfo
La foto ritrae Ginestra